ChiaiaToday

In 15 contro 3, baby gang accoltella e picchia coetanei sul lungomare

"Da tempo diciamo che la situazione è fuori controllo"

Baby gang di nuovo in azione sul lungomare di via Partenope. Nella tarda serata di sabato un branco di minorenni è accusato di aver ferito tre ragazzini con una serie di coltellate, che hanno colpito di striscio di malcapitati e con pugni e schiaffi.

A denunciare l'accaduto è il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli (Verdi): "Basta serve pugno duro. Allontanarli dalle famiglie e punirli come adulti. Sabato notte il branco ha colpito ancora una volta in pieno centro, all'esterno di Castel dell'Ovo sul lungomare, mandando all'ospedale tre ragazzi. Uno dei tre feriti, ricoverato al Pellegrini, sarà operato domani per la grave frattura riportata al setto nasale. Gli altri due se la sono cavata, si fa per dire, con qualche pugnalata di striscio e tante botte in faccia. La baby gang, composta da una quindicina di giovani, ha trovato le tre prede proprio nel centro della zona turistica della città. Da tempo diciamo che la situazione è fuori controllo. E' giunto il tempo delle misure drastiche che noi invochiamo da tempo. A partire dalla sottrazione di questi delinquenti alle loro famiglie punendoli in modo esemplare, come gli adulti. Solo così potremo sperare di riportare sicurezza e civiltà". Borrelli sarà all'ospedale Pellegrini alle 10 assieme al consigliere municipale Salvatore Iodice per incontrare la giovane vittima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Aglio in cucina: tutti gli errori che non sai di commettere

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

Torna su
NapoliToday è in caricamento