ChiaiaToday

Al Gambrinus la pastiera più grande del mondo/FOTO

Grande folla al Gambrinus per degustare la pastiera

Presentata al Gran Caffè Gambrinus la pastiera più grande mai realizzata al mondo con un diametro di due metri e un peso di 305 kg.  A realizzarla: Antonio, Arturo, Michele Sergio e Massimiliano Rosati e i loro pasticcieri, in primis il maestro Stefano Avellano che per l'occasione si è fatto realizzare un apposito stampo. La pastiera è dolce simbolo della Pasqua.

Ingredienti PASTIERA  (305 kg circa)

RIPIENO (265 kg circa)

60 kg Ricotta 

60 kg Zucchero

60 kg grano

600 uova (36 kg)

25 l latte

25 kg cubetti di arancio

ESTERNO di pasta frolla (40 kg circa)

20 kg farina di frumento 

7,5 kg di zucchero

7,5 kg di burro

65 uova (circa 4 kg)

100 gr di sale

TOTALE 

PESO 306 kg 

2,10 m diametro

Ci sono voluti 4 pasticcieri per realizzarla e 10 persone per trasportarla. La ricetta è la classica quella utilizzata ai tempi dei Borbone.Per cuocere la pastiera ci sono volute 3 ore e mezza di cottura 190 gradi.

La pastiera deve essere conservata in un luogo fresco e asciutto. Può essere conservata anche all’aperto perché aprile è un mese mite e dalle ideali temperature. Anticamente le mamme napoletane dopo avere realizzato la pastiera la lasciavano raffreddare sul davanzale della finestra.

Infine la pastiera non va subito mangiata ma, una volta pronta, deve riposare 24 ore perché si deve “asciugare” il ripieno di ricotta all’interno contenuto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Aglio in cucina: tutti gli errori che non sai di commettere

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

Torna su
NapoliToday è in caricamento