ChiaiaToday

Addio al Cimento di Marechiaro: "Niente più tuffo l'1 gennaio"

I motivi: mancanza di ricambio generazionale e difficoltà ad avvicinare i giovani a questo evento

La tristezza, inutile negarlo, c'è. Finisce infatti a Napoli una tradizione lunga cinquant’anni. Addio al Cimento di Marechiaro, il tuffo nelle acque gelide organizzato da un gruppo di appassionati sin dagli anni Sessanta.

In una lettera pubblicata dal quotidiano Roma, il gruppo spiega il perché di questo addio: mancanza di ricambio generazionale e difficoltà nell'avvicinare i giovani a questo evento. “È stato bellissimo, ma Quelli di Marechiaro lasciano, salutano e ringraziano tutti coloro che li hanno seguiti per mezzo secolo. Quest'anno infatti non si svolgerà l'abituale tuffo di Capodanno, attraverso il quale veniva diffusa nel mondo un'immagine di Napoli civile, sportiva, gioiosa, lontana dagli stereotipi negativi. Il tuffo del primo dell'anno era anche un abbraccio alla nostra città e un augurio ai napoletani per il nuovo anno in arrivo”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Aglio in cucina: tutti gli errori che non sai di commettere

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

Torna su
NapoliToday è in caricamento