ChiaiaToday

Addio al Cimento di Marechiaro: "Niente più tuffo l'1 gennaio"

I motivi: mancanza di ricambio generazionale e difficoltà ad avvicinare i giovani a questo evento

La tristezza, inutile negarlo, c'è. Finisce infatti a Napoli una tradizione lunga cinquant’anni. Addio al Cimento di Marechiaro, il tuffo nelle acque gelide organizzato da un gruppo di appassionati sin dagli anni Sessanta.

In una lettera pubblicata dal quotidiano Roma, il gruppo spiega il perché di questo addio: mancanza di ricambio generazionale e difficoltà nell'avvicinare i giovani a questo evento. “È stato bellissimo, ma Quelli di Marechiaro lasciano, salutano e ringraziano tutti coloro che li hanno seguiti per mezzo secolo. Quest'anno infatti non si svolgerà l'abituale tuffo di Capodanno, attraverso il quale veniva diffusa nel mondo un'immagine di Napoli civile, sportiva, gioiosa, lontana dagli stereotipi negativi. Il tuffo del primo dell'anno era anche un abbraccio alla nostra città e un augurio ai napoletani per il nuovo anno in arrivo”. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Notizie SSC Napoli

    Napoli-Crotone, commozione per gli addii di Maggio e Reina

  • Cronaca

    Sangue sulla movida, accoltellato 19enne

  • Cronaca

    Folla inferocita si scaglia contro un'ambulanza del 118: "Calci e pugni da 80 persone"

  • Cronaca

    Ricercato da 10 anni per sequestro di minore, arrestato a Capri: era in un equipaggio della Rolex Cup

I più letti della settimana

  • Liberato è un detenuto del carcere di Nisida? La tesi spopola sul web

  • Un Posto al Sole, anticipazioni puntate dal 21 al 25 maggio 2018

  • Travolti fuori dalla metro di Chiaiano: è caccia al pirata della strada

  • Un Posto al Sole, anticipazioni (giorno per giorno) dal 21 al 25 maggio 2018

  • Boato nella notte a San Giorgio, paura anche nei comuni vicini: colpito un ristorante

  • Prof manca a scuola da 2 giorni: gli studenti la vanno a trovare e le salvano la vita

Torna su
NapoliToday è in caricamento