ChiaiaToday

Stupro a Marechiaro, la vittima riconosce gli arrestati: “Sono stati loro”

Due sedicenni ed un diciassettenne sono stati condotti al centro di prima accoglienza dei Colli Aminei. Secondo i carabinieri sono gli autori della violenza avvenuta ai danni di una 15enne

Ha riconosciuto i tre minorenni ritenuti dagli inquirenti i suoi violentatori. La 15enne, vittima delle assurde violenze avvenute lo scorso maggio a Marechiaro, non ha dubbi: i ragazzini arrestati ieri dai carabinieri della compagnia di Bagnoli sono i suoi stupratori.

La violenza avvenne nei pressi della casetta degli spiriti a Marechiaro. Lei era lì con un ragazzino che stava frequentando da qualche settimana. Fu lui a farle conoscere i presunti stupratori. Forse una trappola. Supposizioni, i fatti sono ciò che è accaduto dopo: due 16enni provavano a spogliarla, infine un 17enne che ha abusato di lei per poi abbandonarla come un oggetto a pochi passi dal mare.

Dopo la violenza: il terribile racconto della vittima

“Non volevo che mi toccassero – ha raccontato ai carabinieri – poi quando mi sono voltata e accorta che il ragazzo che amavo era andato via, ho capito che per me non c’era più speranza. Ero impietrita, non avevo la forza di urlare per chiedere aiuto”. È stata lei stessa a cercare i volti dei suoi aguzzini sui social, ed a denunciarli.

I membri principali del branco sono stati prelevati dalle loro abitazioni di Forcella, Capodichino e Borgo Sant’Antonio e condotti al centro di prima accoglienza dei Colli Aminei. La spavalderia che mostrano sui social è scomparsa. Piangevano, temendo di finire in carcere. Altri due ragazzini sarebbero rimasti – secondo la ricostruzione della vittima – soltanto a guardare la scena, e per loro non è stata chiesta alcuna misura cautelare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Aglio in cucina: tutti gli errori che non sai di commettere

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

Torna su
NapoliToday è in caricamento