ChiaiaToday

Clochard malata di Aids terrorizza i passanti minacciando di infettarli a via Chiaia

La donna con problemi psichici è stata prelevata dagli agenti per ricevere le cure adeguate e per evitare che continui a mettere in pericolo passanti e commercianti

Clochard (Foto Borrelli)

A Via Chiaia una donna con problemi psichici e clochard da tempo crea disagio e terrorizza i commercianti della zona, i passanti e i residenti.

La donna è anche affetta da AIDS e dunque le persone sono terrorizzate dalla possibilità che questa possa infettarle.

Come raccontano Francesco Emilio Borrelli dei Verdi e Gianni Simioli della radiazza, "Le persone hanno paura di essere aggredite ed infettate. Ci sono stati già dei feriti. In particolare una poliziotta municipale ed una signora che ha addirittura ricevuto una bottiglia in testa. La sbandata inoltre entrava frequentemente nei negozi spaventando le commesse e uscendo rubava merce che nessuno aveva il coraggio di sottrarle. Talvolta defecava all'ingresso dei locali oppure si spogliava davanti a tutti. Dopo tante richieste di aiuto questa mattina è intervenuta la Polizia Municipale e i Carabinieri che l'hanno prelevata di forza per portarla in cura. Alcuni passanti non sapendo come stessero le cose hanno protestato pensando ad una violenza nei confronti della clochard ma in realtà mai come in questa occasione si è agito per l'incolumità della donna e di chi vive e lavora in zona. E' stato purtroppo inevitabile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Avevamo pensato ad una azione di sgombero per la clochard e ci era sembrato assurdo - spiega Annalisa Castellitti - visto che a Napoli ci sono emergenze molto più gravi. Poi abbiamo saputo come stavano le cose. Ciò nonostante qualcuno voleva lo stesso che la donna non fosse prelevata ma non proponeva soluzioni alternative. Alla fine questa persona era davvero un pericolo per sè e per chi le passava vicino".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • De Luca rilancia la movida: "Cinema all'aperto e musica nei locali: apriamo tutto"

  • Grave lutto nel mondo dell'imprenditoria: addio al noto designer Roberto Faraone Mennella

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento