ChiaiaToday

Incendio in via S. Giacomo: è doloso

Il deposito della "Vorwerk Folletto in via S. Giacomo in cui stamattina si è sviluppato un incendio è stato posto a sequestro. Dai primi rilievi compiuti dai vigili del fuoco l'origine delle fiamme sembra essere di natura dolosa

E' stato posto sequestro il deposito della "Vorwerk Folletto" a pochi metri da Palazzo San Giacomo, a Napoli, dove questa mattina si è sprigionato un incendio di origine quasi certamente dolosa.

In via San Giacomo, a pochi metri dal municipio, dalla sede della Banca d' Italia e della Questura, si è recata la polizia scientifica. Si è giunti alla pista dolosa grazie ai rilievi compiuti dai vigili del fuoco.

Affermano fonti del Comando provinciale: "Un corto circuito è da escludere nel locale c'era solo un neon coperto, che non è tra le cause possibili delle fiamme".

Il deposito della "Vorwerk Folletto" è un locale di 1600 metri quadrati al primo piano di un edificio al civico 30 di via San Giacomo, che fa angolo con il palazzo del Municipio San Giacomo e dista 200 metri dalla Questura. Sono andati distrutti quasi tutti gli elettrodomestici ed i pezzi di ricambi stoccati. I danni, non ancora quantificati, sono ingenti.

Via San Giacomo rientra nella zona a traffico limitato realizzata nella City. "Non mi meraviglia quello che è accaduto - afferma il presidente del Centro commerciale, Maria Belfiore - la ZTL è terra di nessuno. Qui transitano e parcheggiano indiscriminatamente auto e moto senza controllo". Il 17 dicembre scorso un'auto lasciata in sosta tutta la notte davanti all' ingresso posteriore della Prefettura, in via Chiaia, consentì ad una banda di malviventi di scassinare la saracinesca di una ricevitoria del lotto e di asportare circa 20 mila euro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco perché il tuo bucato non profuma

  • Tragedia nel centro commerciale, bambino di 5 anni resta mutilato

  • Casoria, dramma nel parco: donna precipita dal balcone e muore

  • Incidente sull'Asse Perimetrale, muore un giovane in scooter

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Si chiamava Pietro e aveva solo 16 anni: è lui la vittima dell'incidente di Casoria

Torna su
NapoliToday è in caricamento