ChiaiaToday

Cancelli chiusi al Palazzo Reale: "A rischio 315 posti di lavoro"

Giuseppe Pinto, delegato Uil dell'Ales, società che si occupa della manutenzione della struttura: "Sono 5 mesi che i lavoratori prendono la cassa integrazione. L'assorbimento in altre strutture non avviene"

Protesta dei lavoratori dell'Ales, società che si occupa della manutenzione della struttura, davanti ai cancelli chiusi di Palazzo Reale. Un centinaio di lavoratori, da questa mattina alle 7 e fino alle 11, hanno impedito l'accesso nel palazzo di cittadini, turisti e impiegati ed esposto striscioni dai balconi.

Come ha spiegato Giuseppe Pinto, delegato Uil dell'Ales: "Sono a rischio 315 posti di lavoro. Sono 5 mesi che i lavoratori prendono la cassa integrazione e, nonostante le indicazioni del Ministero per i Beni culturali che prevede l'assorbimento in altre strutture, ciò non avviene".

Al momento una delegazione di manifestanti é stata ricevuta in Prefettura. "Ma l'esito dell'incontro non sarà positivo, sono pronti a bloccare di nuovo l'ingresso di Palazzo Reale". (Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Aglio in cucina: tutti gli errori che non sai di commettere

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

Torna su
NapoliToday è in caricamento