ChiaiaToday

Ladri nella Basilica di Piazza Plebiscito

Il parroco della Basilica reale di San Francesco Di Paola, la chiesa del celebre colonnato che fa da sfondo alla piazza del Plebiscito ha denunciato un tentativo di furto, all'alba di oggi. Qualcuno ha provato a rovistare nella sua scrivania

Stamattina all'alba qualcuno ha tentato di rubare nella Basilica reale di San Francesco Di Paola, la chiesa del celebre colonnato che fa da sfondo alla piazza del Plebiscito. La denuncia arriva dal parroco della Basilica: qualcuno ha provato a rovistare, infatti, nella sua scrivania.

Da quanto emerso dai primi controlli, qualcuno ha approfittato di una porta rimasta aperta, che dà proprio sul porticato della piazza: quella dell'ufficio del sacerdote, Don Saverio, comunque inaccessibile grazie a un cancello.

Sul posto, per accertamenti, è presente una volante del commissariato di polizia di Chiaia-San Ferdinando: non è del tutto chiaro se sia stato effettivamente portato via qualcosa.

Gli autori del gesto - che potrebbe essere archiviato come una 'bravata' dei ragazzi del Pallonetto, che popolano la piazza giorno e notte - hanno tirato la scrivania verso l'esterno, probabilmente con l'aiuto di un ombrello, e hanno aperto i cassetti, lasciando tutto in disordine.

Gli accertamenti procedono compatibilmente con le priorità di una domenica speciale per la Basilica: alle 12 il cardinale Crescenzio Sepe terrà la messa proprio a San Francesco di Paola, dove arriverà in processione con oltre 200 bambini delle suole elementari, che stanno partecipando alla 'Marcia della Pace'.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco perché il tuo bucato non profuma

  • Tragedia nel centro commerciale, bambino di 5 anni resta mutilato

  • Casoria, dramma nel parco: donna precipita dal balcone e muore

  • Incidente sull'Asse Perimetrale, muore un giovane in scooter

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Si chiamava Pietro e aveva solo 16 anni: è lui la vittima dell'incidente di Casoria

Torna su
NapoliToday è in caricamento