ChiaiaToday

Wc multilingue: l'idea è di un commerciante di Napoli

Ben 25 bandiere di nazionalità diversa con definizioni multilingue della parola wc. Antonio Esposito mette al servizio dei turisti, in modo gratuito, i propri bagni

Un cartello con 25 bandiere di nazionalità diverse ed altrettanti modi di definire il wc. È questa l'idea che ha reso celebre Antonio Esposito, titolare di un'attività che vende prodotti tipici a Napoli, nei pressi di Piazza del Plebiscito.

Il signor Esposito spiega che nel capoluogo campano non ci sono servizi pubblici e i bar con difficoltà aprono le porte dei loro bagni. Così ha deciso di fornire l'utilizzo dei quattro bagni presenti nel suo negozio, in modo del tutto gratuito, solo per migliorare l'accoglienza dei turisti. Wc con scritte multilingue, piante e posacenere, e tanti altri abbellimenti sono stati posizionati dal signor Esposito non solo nel negozio, ma anche nella Piazza che condivide con il Teatro San Carlo.

"Ho cancellato anche le scritte spray sui marmi della galleria Umberto senza che nessuno mi chiedesse se ero autorizzato a farlo. Io - spiega Esposito- l'ho fatto per la mia città. Al Comune, tempo fa, chiesi di riaprire il vicino sottopasso già provvisto di bagni pubblici, offrendomi anche di provvedere alla ristrutturazione con la mia associazione. La risposta fu un 'no, grazie"

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco perché il tuo bucato non profuma

  • Tragedia nel centro commerciale, bambino di 5 anni resta mutilato

  • Casoria, dramma nel parco: donna precipita dal balcone e muore

  • Incidente sull'Asse Perimetrale, muore un giovane in scooter

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Si chiamava Pietro e aveva solo 16 anni: è lui la vittima dell'incidente di Casoria

Torna su
NapoliToday è in caricamento